Castello Aghinolfi

Castello Aghinolfi Castello Aghinolfi
La cortina di collegamento fra il Mastio e la Torre rotonda di Sud-Ovest. [Foto ante restauri] Il Mastio, la parte più  antica del castello, dalla particolare forma ottagonale. [Foto ante restauri]

Il Castello Aghinolfi (o di Aghinolfo) sorge sopra il paese di Montignoso, circa tre chilometri a sud dal centro della città di Massa.


» Dove si trova il Castello Aghinolfi
» Vai alla pagina delle Foto (Ante Restauri)
» Nuove foto del Mastio restaurato
» Sito Ufficiale del restauro e storia di Aghinolfi
» Scarica la brochure ufficiale

Veduta della Collina dominata dal CastelloPur essendo Montignoso uno dei comuni meno estesi della Lunigiana è stato interessato da episodi storici di rilievo, grazie al fatto che il colle sul quale sorge permette di dominare tutta la valle del torrente omonimo ed avere una buona vista anche sul litorale tirrenico che dista solo quattro chilometri.

Le prime notizie dell'esistenza del castello si hanno nel 753, quando il re Longobardo Astolfo fece dono ad un suo cognato, l'abate fondatore dell'abbazia di Nonantola presso Modena, di un appezzamento di terreno nella zona. Il nome di Castello di Aghinolfo indica la sua chiara origine Longobarda, anche se non è certo che la sua fondazione sia stata effettuata dal Re in persona o da un suo feudatario, mentre è certo che la zona di Montignoso apparteneva a quei tempi alla corona. Un'altra cosa certa è che il castello era il più potente della vallata e punto di rifugio per tutte le popolazioni della zona in caso di pericolo. Purtroppo non sono rimaste tracce della forma della fortificazione del tempo, essendo stata più volte rimaneggiata nei secoli seguenti.

I discendenti di Aghinolfo rimasero in possesso della roccaforte fino al 1376, successivamente il castello passò alla Repubblica Lucchese, sotto la quale vennero eseguite le riparazioni e migliorie necessarie per renderlo un forte avamposto contro le bande di ventura e i nemici esterni che infestavano l'area.

I sotterranei del CastelloGrazie agli scritti di Giovanni Sforza, storico del secolo scorso, abbiamo dati certi dell'aspetto del castello nel 1494, quando venne ceduto a Carlo VIII°, re di Francia. Sulla fortificazione svettavano due alte torri, chiamate una torre di S.Francesco e l'altra di S.Paolino, e si estendeva su un'area murata di circa un ettaro. Detta area era divisa in tre recinti fortificati. Nel primo sorgevano quarantatré edifici usati prevalentemente dagli abitanti di Montignoso durante i periodi di guerra o come magazzini in tempo di pace. Nel secondo recinto, al quale si accedeva mediante un ponte levatoio, c'erano altre ottantasette case mentre nel terzo ed ultimo, sulla cima del colle, sorgeva il castello vero e proprio. Questo era costituito da una grossa torre ottagonale, il mastio, collegato ad una torre rotonda da cortine murarie. Fra le dotazioni della fortezza vengono ricordate una grande cisterna per la raccolta dell'acqua piovana, una piccola cappella, un mulino e un passaggio segreto che dalla torre portava all'esterno.

Non risulta che la possente fortificazione sia mai stata espugnata, ma la mancanza di lavori di mantenimento e l'abbandono l'hanno ridotta in uno pessimo stato. Nel  XVI° secolo  la malaria colpì duramente la zona e causò un forte calo di popolazione, ma i colpi più duri al castello furono inferti, dopo il 1799 quando fu abbandonato dalla Repubblica Lucchese in seguito all'invasione Giacobina, dall'opera degli uomini che iniziarono a rubare il legno delle travi, delle porte e finestre, le pietre ed i mattoni per servirsene nelle proprie case. Qualche tempo dopo il nuovo signore di Lucca, Carlo Ludovico di Borbone, acquistò il castello con l'intenzione di ristrutturarlo, ma la sua rimase solo un progetto mai messo in opera. Oggi possiamo comunque ancora ammirare i possenti ruderi. Per fortuna dall'autunno del 1998 è iniziata un'importante opera di recupero.


Panorama dal Mastio restaurato

L'interno del Mastio con la parte di pavimentazione in cristallo.Il 1 Aprile 2001 il Castello è stato finalmente riconsegnato alla comunità locale e ai visitatori dopo un restauro del Comune di Montignoso con un progetto affidato agli architetti Nicola Gallo, Antonio Silvestri e Andrea Tenerini. All'interno, un pavimento in vetro mostra al vero la stratigrafia delle pavimentazioni antiche e degli oggetti ivi rinvenuti. Per l'occasione è stata realizzata anche un'installazione multimediale permanente che, all'interno del mastio restaurato, spiega le fasi evolutive del castello mediante ricostruzioni virtuali animate al computer.

Nel 2008 sono terminati gli ultimi lavori di restauro che hanno reso fruibile il Parco Archeologico all’ interno della cinta muraria esterna del Castello.

Orari Visita Castello Aghinolfi di Montignoso:
dal 1 Ottobre 2010 al 1 Aprile 2011:
Domenica e Festivi: 15.00 / 17.30 (chiusura biglietteria ore 17.00)

Torna alla HomepageIndice Alfabetico dei Castelli ToscaniAltre fotografie