Fortezza di Avenza

I resti della Fortezza oggi... E nel 18° secolo.

Queste foto sono gentilmente offerte da PHOTO STUDIO 98. I contenuti grafici e testuali cono © 2002 Avenza sul Web. Tutti i diritti riservati.

La cittadina di Avenza, dominata dai resti della sua un tempo potente fortezza, sorge nel comune di Carrara. E' facilmente raggiungibile da Firenze seguendo la A11 Firenze-Mare fino al collegamento con la A12 Livorno-Genova, questa fino all'Uscita per Massa. Seguendo le indicazioni per Marina di Massa dopo circa 4 chilometri giungiamo a destinazione.


Le origini di Avenza, si perdono nella notte dei tempi. Il toponimo trae origine dal nome del corso d'acqua sul quale è costruita: il 'Flumen Aventia' che si trova sulla 'Tabula Peutingeriana' (nota mappa stradale tardo romana oggi conservata a Vienna), di origine celto-ligure [A-enza = al fiume] poi latinizzato. Tracce archeologiche dell'epoca romana sono state ritrovate nel 18 secolo e anche più recentemente nell' adiacente zona di Nazzano. La memoria scritta più antica risale al 950 d.C., ed è ugualmente considerata altomedievale la colonna di pietre grezze rinvenuta nella controfacciata della chiesa parrocchiale (VI-VII sec).

La sua posizione sull'antica via Aemilia Scauri (poi 'Romea' o 'Francigena'), e sul mare (che allora la lambiva) a poco più di 3 Km dall'antica città di Luni (ormai in decadenza), ne favorirono lo sviluppo nel medioevo, sia come centro per l'esportazione del marmo che come approdo e transito di mercanzie e bestiame. Entrata nel 13° secolo nella vicaria di Carrara, munita di mura assume importanza strategico militare come 'Castello', più volte rafforzato: nel 14° sec. da Castruccio Castracani signore di Lucca e nel 15° secolo dai Malaspina. Nella seconda metà del '500 Alberico I Cybo Malaspina ne agevola il rilancio dopo la crisi che l'aveva colpita nei decenni precedenti, con bonifiche della pianura, ristrutturazione delle fortificazioni, ed esenzioni per gli abitanti. Nel 1848 la popolazione avenzina tenta la scissione dal comune di Carrara, cavalcando le vicissitudini della prima guerra d'indipendenza, tentativo ripetuto più volte senza successo.

Il grande torrione superstite della fortezza è attribuito tradizionalmente a Castruccio Castracani, in realtà è il frutto di una serie di rifacimenti ed aggiunte all'antica rocca operati nel corso del 15°,16° e 17° secolo, per adeguarla all'uso delle armi da fuoco. Osservando la parte sbrecciata si possono osservare cornicioni marmorei a tortiglione quattrocenteschi inglobati in murature posteriori nonché chiari segni di una sopraelevazione con una corona di troniere avvenuta verosimilmente alla fine del '600. Il fortilizio, dopo l'unità d'Italia, fu venduto dallo Stato Italiano a privati come cava di pietre e nel 1883 è stato salvato dalla totale distruzione solo grazie alll'intervento dello storico tedesco Theodor Momsen. Prima del suo saccheggio scientifico era formato da tre torrioni rotondi ed uno a pianta quadrangolare. Già nel 1859 l'apertura di una strada lo aveva separato dal resto del complesso castellano costituito dal cinquecentesco 'casino del principe' con torre d'angolo che sorgeva sull'angolo opposto della cinta muraria cittadina, tuttora esistente sebbene profondamente alterato: sulla facciata reca una lapide secentesca proveniente dalla cappella della fortezza. Altri resti castellani: la porta a monte del borgo incastellato e vari frammenti della cinta muraria cittadina. Ecco come appariva Avenza quando le sue fortificazioni erano ancora integre:

Per saperne di più visitate Avenza sul Web