Castello di Montemerano

   

Montemerano è una frazione del comune di Manciano (Grosseto), situata a circa 10 km a nord-ovest del capoluogo, collocato tra le splendide colline della Maremma, tra paesaggi e panorami scenografici, lungo la strada SS322 che conduce a Scansano, all'altezza del bivio con la SP10 che conduce alla località termale di Saturnia.



» Altre Foto
» Dove si trova Montemerano

Il caratteristico borgo medievale si è sviluppato, secondo il modulo consueto dell'epoca, intorno al nucleo del castello posto sulla vetta della collina, il Poggio di Montemerano, fatto costruire in epoca duecentesca dalla famiglia Aldobrandeschi. Alla fine del 1200 il controllo del paese passò alla famiglia dei Baschi che lo sottomisero ad Orvieto all'inizio del trecento, dopo il declino della potenza Orvietana durante il quattrocento i Senesi si impossessarono di Montemerano e lo trasformarono facendolo diventare un'importante fortezza. Nella seconda metà del Cinquecento, con la definitiva caduta della Repubblica di Siena, il centro entrò a far parte del Granducato di Toscana, seguendone le sorti da quel momento in poi.

Il centro storico, situato su una collina circondata da ulivi secolari, in via di progressivo abbattimento per far posto a più redditizie villette a schiera, conserva le mura, le torri, la rocca e diversi edifici in pietra risalenti al periodo medievale e rinascimentale.

Le Mura medievali di Montemerano, in blocchi di travertino e calcare con base a scarpa, racchiudono interamente il borgo e sono ancora oggi largamente riconoscibili. Erette in più fasi, ed in gran parte ricostruite nel ‘400, includono la struttura fortificata del Cassero Senese, oggi una torre quadrata assai rimaneggiata. All’interno vi si accede attraverso due porte: una a sud ad arco ribassato ed una a nord ad arco pieno all’interno di una loggia coperta che si apre sulla piazza della Chiesa. Lungo la sezione rinascimentale, posta a ponente dell'abitato, sono provviste di due torri quadrate e due circolari, sul fronte nord-est sono dotate di camminamento di ronda.

La chiesa di San Giorgio, che si affaccia su Piazza della Chiesa, venne edificata in epoca tardomedievale e ampliata nella prima metà del quattrocento con l'aggiunta dell'abside e del transetto. Al suo interno sono conservate opere d'arte di epoca rinascimentale, tra i quali affreschi, tavole e arredi sacri. Fra tutte spicca la quattrocentesca Madonna in trono col Bambino e santi, un polittico di Sano di Pietro recentemente restaurato. La Madonna della Gattaiola è un dipinto quattrocentesco realizzato su una porta, così chiamata per la presenza di un evidente foro per consentire il passaggio dei gatti.

La Torre di San Lorenzo era originariamente adibita a campanile dell'omonima chiesa di origini medievali, successivamente dismessa e adibita a residenza privata. Attualmente si presenta, purtroppo, con la brutta intonacatura imposta dalla Sovrintendenza ai beni artistici e culturali di Siena e Grosseto.

Il vero gioiello di Montemerano è la spettacolare e scenografica Piazza del Castello, intatta nel suo assetto medievale e nelle case di pietra. Vi si accede attraverso una porta ad arco che si apre al termine di una breve via in ripida salita.

A sud-ovest di Montemerano, fuori dal centro abitato, sorge nella campagna la quattrocentesca Chiesa della Madonna del Cavalluzzo.