Castello della Paneretta


Il castello della Paneretta sorge nel territorio di Monsanto, famoso per i suoi vini, lungo una via secondaria che attraversa tutta la vallata può essere imboccata dalla ss222 Chiantigiana seguendo le indicazioni per Olena, circa 2 km passato S.Donato.


Sul crinale dei rilievi degradanti verso la Val d'Elsa sorge la villa-fattoria della Paneretta con nella struttura ancora ben visibili le tracce della sua origine di fortilizio quattrocentesco. Molto probabilmente il castello fu costruito in seguito all'abbandono di Cepparello, fortilizio posto notevolmente più in basso sul versante opposto della vallata distrutto dai fiorentini nel 1260. Da semplice roccaforte tardo medievale posta vicino al confine fra i territori di Siena e Firenze dalla classica struttura quadrilatera, mura massiccie e scarpate coronate da merlatura guelfa e doppio redondone, feritoie, torri angolari [in una è presente la cappella] e classico mastio quadrato centrale, la Paneretta divenne nel 1577 proprietà di Ludovico Capponi [grazie al matrimonio con Maddalena Vettori che gliela portò in dote] che intraprese l'opera di trasformazione della struttura in villa di campagna: ampie aperture nella facciata, affreschi nel cortile interno, ornamento del portale principale con il caratteristico bugnato dell'epoca...Nel 1669 il ramo della famiglia Capponi si estinse e per matrimonio il castello passò ai Riccardi che ne rimasero proprietari fino al 1871 quando, completata la sua definitiva trasformazione in villa, divenne proprietà degli Strozzi. Oggi è sede dell'omonima fattoria produttrice di un ottimo vino Chianti Classico.